venerdì 27 febbraio 2009

I WAS BORN ON PLANET EARTH IV

Il senatore Franco Orsi del PdL a quanto pare ha un'idea: fare a pezzi la 157/1992, l’unica legge che tutela direttamente la fauna selvatica nel nostro Paese. Scompariranno le definizioni di specie superprotette. Animali come il lupo, l’orso, le aquile, i fenicotteri, i cigni, le cicogne e tanti altri, in Italia non godranno più delle particolari protezioni previste dalla normativa comunitaria e internazionale. Si aprirà la caccia lungo le rotte di migrazione, il che incentiverà il bracconaggio, in aree molto importanti per il delicatissimo viaggio e la sosta degli uccelli migratori.
I richiami vivi verranno totalmente liberalizzati (ovvero gli uccelli tenuti “prigionieri” in piccolissime gabbie per attirarne altri). Inoltre spariranno gli anelli di riconoscimento per i richiami vivi. Sarà sufficiente un certificato per tutti. Tutte le specie di uccelli, cacciabili o non cacciabili, potranno essere usate come richiami vivi. Anche le peppole, i fringuelli, i pettirossi
Per effetto del suo ddl i cacciatori saranno classificati automaticamente come tassidermisti, ovvero imbalsamatori, senza dover rispettare alcuna procedura. Gli animali potranno essere uccisi e imbalsamati senza regole.
Verrà mortificata la ricerca scientifica, infatti l’autorità scientifica di riferimento per lo Stato (l’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, oggi ISPRA) rischia di essere completamente sostituta da istituti regionali.
Si aprirà la caccia nei parchi a specie non cacciabili. Una fenomenale formulazione del Testo Orsi rende possibile la caccia in deroga (cioè la caccia alle specie non cacciabili) addirittura nei Parchi e nelle altre aree protette. Le regioni che proteggono oltre il 30% del territorio regionale verranno sanzionate. Licenza di caccia a 16 anni. Cancellazione dell’Ente Nazionale Protezione Animali dal Comitato tecnico nazionale.
Un altro articolo del ddl darebbe ai sindaci poteri di autorizzare interventi di abbattimenti ed eradicazione degli animali, in barba alle più elementari norme europee. Basterà che un singolo animale arrechi fastidio per disporre del suo abbattimento, esso sia gatto o animale selvatico.
In barba a quattro procedure di infrazione dell’Unione europea e a due sentenze della Corte Costituzionale, il Sen. Orsi intende regalare a Veneto e Lombardia queste profumate possibilità. Le multe europee per tali infrazioni, ovviamente, le pagheranno i contribuenti.
E molto altro ancora, vi rimando a un link per l'elenco completo, QUI.
Fermiamolo. La petizione è QUI.
Stay tuned.

You had a chance you did not try, so now is time to watch it die!
Bad Religion, Watch it die, Recipe for Hate 1993

9 commenti:

Hollow ha detto...

Quando apriranno la caccia alle teste di c***o dovranno guardarsi le spalle.

francesco ha detto...

ma com'è possibile!?
perché!!?

La Mente Persa ha detto...

Dopo questo ddl sarà aperta la caccia anche ai leghisti delle ronde? :)
gio

Alberto Corradi ha detto...

Ciao ragazzi
purtroppo il perché mi pare ipotizzabile solo con il fatto che l'autore del ddl sia un patito della caccia... oppure uno sfegatato tassidermista... oppure perché spesso non si dà peso alla vita delle creature che non siano bestie mammifere tristi e bipedi e che corrispondono al nome di razza umana.

La Mente Persa ha detto...

Ho pubblicato questo tuo post sul mio blog per fare circolare la notizia.
gio

Alberto Corradi ha detto...

Ciao Gio, grazie. A presto, il vampiro stanco

rocco lombardi ha detto...

Tutto questo perchè si ritiene il selvatico "risorsa indisponibile".
Proposte come questa per quanto in apparenza mostruose sono perfettamente in linea nell'ottica dello sviluppo e di quello fagocita per sostenersi.
L'Italia per quanto piccola ha ancora vaste zone poco urbanizzate e piene di risorse, una legge come questa è il primo passo per cominciare a sfruttarle sfrenatamente. Bisognerebbe mettere in discussione seriamente questo concetto di sviluppo e rivedere drasticamente quelle comodità che ci da ad un prezzo sempre meno sopportabile per il pianeta.

luigi ha detto...

Ciao Alberto, grazie per aver fatto girare questa notizia. Se non l'avessi letta sul tuo blog sarei rimasto all'oscuro di tutto... sigh.

Alberto Corradi ha detto...

Ciao Luigi,
prego, figurati...
purtroppo stanno accadendo tante e orribili cose alla nostra natura un po' ovunque: presto posterò altre bio-news, a dimostrazione che, ancora una volta, Biotech is Godzilla.